Decreto Dignità, LeoVegas ancora contro i provvedimenti

Dopo l’introduzione del Decreto Dignità, che vieta ogni forma di pubblicità, anche indiretta, relativa al mondo dei giochi, la casa di gambling Leovegas scende di nuovo in campo a difesa del settore del gioco online. Il tutto attraverso un video, presto diffuso da tutti i media, che analizza le prerogative di sicurezza, trasparenza ed intrattenimento sano del gioco online. Con la messa in onda di dati che confermano le recenti indagini dell’Istituto Superiore di Sanità: solo il 5,5% dei giocatori sceglie l’online per giocare, il restante 94,5% punta sul gioco fisico.

Inoltre nello studio dell’ISS viene evidenziato che l’80% delle persone che hanno visto una pubblicità di gioco non sono state condizionate poi nelle loro scelte. La metà degli utenti infatti ha deciso di giocare saltuariamente ed un terzo gioca solo per un mese all’anno. E tra i paesi in cui più si gioca l’Italia è solo al quinto posto. Nella sola Inghilterra la spesa di gioco è quattro volte maggiore rispetto al nostro paese. E, lo si ripete a rischio di fraintendimenti, i divieti del Decreto Dignità aprono la strada all’illegalità.
Il solo comparto online ha limiti di gioco possibili, tramite il registro dell’autoesclusione e solo nell’online si ha la possibilità di fissare un importo massimo da giocare in settimana o al mese. Nel novero delle dipendenze dominano fumo ed alcool, il gioco è solo all’ottavo posto in questa particolare “top ten”. Come sottolinea LeoVegas il Decreto, nei suoi principi, colpisce il settore più sicuro e regolamentato del gioco d’azzardo e va a tutelare invece il gioco illegale e problematico. Un paradosso, dal momento che la pubblicità nel gioco non ha nessuna facoltà persuasiva e non porta allo sviluppo di ludopatia. Il Decreto va a distruggere un modello virtuoso per la protezione dei consumatori come quello sviluppato, per l’online, da ADM. LeoVegas rilancia e non molla, scendendo nuovamente in campo contro le scelleratezze di un provvedimento dannoso e autolesionista.

Federico Cocco

Ho studiato storia, giornalismo e lingue straniere. Lavoro per diverse testate e collaboro con Il Mattino. Ho scritto per l’Ansa e il Corriere del Mezzogiorno. Politica, economia sono le mie passioni. Questo è il mio blo personale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *