Giochi, nel 2016 sottoposti a controllo 33.578 esercizi. Calano le violazioni

Nel corso del 2016 sono stati sottoposti a controllo 33.578 esercizi. Il dato è in crescita di quasi il 5% rispetto all’anno precedente. Calano le violazioni: quelle penali sono state 223 (-66%), le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria 245 (-61%), i sequestri penali 53 (-18%), le violazioni amministrative 1973 (-10%), le sanzioni irrogate dall’Aams 2438 (-20%). Crescono le misure cautelari (549 nel 2016 contro le 546 del 2015) e gli importi delle sanzioni amministrative (26,6 milioni per un +35%) e tributarie (30,3 milioni per un +61%).

Controlli per regione. Nel Lazio sono stati controllati ben 4.427 esercizi; 4.340 in Lombardia; In Umbria 714. La Sicilia detiene il record di persone denunciate (67); segue la Campania (51), entrambe vantano anche il primato delle regioni con più violazioni amministrative. Nelle stesse anche il più alto numero, rispettivamente 187 e 95, di misure cautelari.

Scommesse. Calano i controlli nel 2016. La Campania “vanta” il maggior numero di reati e denunce. Il Piemonte e la Valle d’Aosta sono le uniche due regioni “oneste”

Gli esercizi di scommesse controllati sono stati 4.257 nel corso del 2016. Si tratta del minore numero di controlli nell’ultimo triennio, dovuto anche alle due sanatorie che nelle due Leggi di Stabilità del 2015 e del 2016 hanno consentito la regolarizzazione di circa 2.300 esercizi di scommesse che in precedenza operavano senza concessione dello Stato italiano. Calano però tutti i reati, violazioni e sequestri. La crescita riguarda solo l’importo delle sanzioni, tra amministrative e tributarie, da circa 15,6 milioni di euro, contro i circa 10,2 milioni dell’anno precedente. La Campania è la regione in cui sono stati effettuati più controlli (700) negli esercizi di scommesse; seguono Lazio (688) e Sicilia (429). Spetta sempre alla Campania il record di violazioni penali (38), persone denunciate (45) e sequestri penali (2). Il Piemonte e la Valle d’Aosta sono le uniche regioni senza alcun tipo di violazione, reato o denuncia nel 2016.

Newslot e vlt: durante lo scorso anno si è assistito ad un rafforzamento dei controlli negli esercizi (+8,6%). In crescita denunce, sequestri e sanzioni. Alla Sicilia spetta il record di violazioni e denunce; Calabria e Campania “vantano” il primato di sequestri.

28.860 gli esercizi controllati nel corso del 2016, un +8,6% rispetto all’anno precedente. In calo però le violazioni penali (81 nel 2016 contro 100 del 2015), le persone segnalate (650 contro 698) e le misure cautelari (539 contro 546). In aumento le persone denunciate (110 contro 101), i sequestri penali (49 contro 42) e le violazioni amministrative (1.440 contro 1.406), secondo elaborazioni Agimeg su dati Adm. In calo le sanzioni irrogate da Aams (2.233 contro 2.833) mentre cresce l’importo del totale delle sanzioni amministrative e tributarie (41,2 milioni di euro nel 2016 contro i 28,3 milioni del 2015).

In Lombardia sono stati controllati ben 4100 gli esercizi con newslot e vlt; 3.697 nel Lazio ed oltre 2.000 in Piemonte-Valle d’Aosta, Campania, Puglia-Basilicata-Molise. In Sicilia è record di violazioni penali (38), persone denunciate (41), violazioni amministrative (384) e misure cautelari (187). Il primato per i sequestri penali spetta alla Calabria (16), seguita dalla Campania (15).

Gioco: 57 le violazioni accertate riferite al divieto di gioco ai minori. In calo i tentativi di accesso ai siti illegali.

Secondo elaborazioni Agimeg su dati Adm, rispetto al 2015 quando furono 37, nel 2016 sono aumentate (57) le violazioni accertate in tema di contrasto sul divieto di gioco ai minori. Dato molto inferiore al 2014, quando le violazioni furono 114. Nonostante sia cresciuto il numero delle violazioni, sono calate nel 2016 le sanzioni irrogate (63 contro 67 del 2015) e gli importi (446.000 euro contro 469.301 euro). Di meno anche gli esercizi sospesi (44 nel 2016 contro 72 del 2015). Nel 2016 sono stati inibiti 679 siti di gioco irregolari, dato che porta a 6.387 il totale dei siti inibiti negli ultimi 10 anni. Oltre 560 milioni i tentativi di accesso, nel 2016, ai siti di gioco illegali. Si tratta del minimo storico dal 2009.

Federico Cocco

Ho studiato storia, giornalismo e lingue straniere. Lavoro per diverse testate e collaboro con Il Mattino. Ho scritto per l’Ansa e il Corriere del Mezzogiorno. Politica, economia sono le mie passioni. Questo è il mio blo personale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *